Arrondissements Parigini: V Arrondissement

Il 5° arrondissement, sulla Rive Gauche, è la zona centrale e, forse, la più antica di Parigi, conta circa 60.000 abitanti su una superficie di 254 Ha. circa e comprende i quartieri di Saint-Victor, Jardin-des-Plantes, Val-de-Grâce Sorbonne.

Oggi come in passato è prevalentemente un distretto intellettuale sede di molti college, scuole superiori e della più famosa università della Francia nonchè la più antica di Parigi, l'Università della Sorbona, risalente al 1257.
Frequentato già in passato prevalentemente da studenti e professori che un tempo parlavano latino anche nella vita quotidiana, da qui il nome Quartiere Latino, è anche ricco di negozi, di librerie, di ristoranti ed animato soprattutto la sera con i suoi numerosi Pub.

Di seguito un elenco di posti da vedere e luoghi da visitare in questo arrondissement (monumenti, musei, giardini, piazze, strade, ecc.):

  • Arènes de Lutèce: accessibili da rue Monge, rue des Arènes o square Capitan, le "arene di Lutezia" è uno dei pochi monumenti della Gallia sopravvisuto fino ad oggi. Si tratta di un anfiteatro romano capace di accogliere 17.000 spettatori che, da un lato potevavo vedere rappresentazioni teatrali e dall'altro combattimenti di gladiatori e belve feroci.
  • église Notre-Dame de l'hôpital du Val-de-Grâce: Progettata nel 1645, su volere della regina Anna d'Austria per un voto fatto alla Vergine Maria in quanto non riusciva a concepire un erede reale, la chiesa fu completata nel 1667, ed è un classico esempio di architettura barocca francese. Nella chiesa è presente un grande organo a canne a trasmissione meccanica con due tastiere di 56 note ciascuna ed una pedaliera di 32.
  • église Saint-Étienne-du-Mont: Situata sulla montagna Sainte-Geneviève la chiesa di Santo Stefano al monte è ritenuta da molti come una delle più belle di Parigi. Ancora oggi si tengono grandi processioni, durante le quali la teca che conteneva le reliquie di santa Geneviève fino al 1793 (data in cui queste furono gettate nelle fogne) viene portata nella cattedrale di Notre-Dame per ritornare poi in seguito. Il 23 agosto 1997 papa Giovanni Paolo II, in occasione della Giornata mondiale della gioventù, vi celebrò una messa.
  • église Saint-Julien-le-Pauvre: La chiesa di San Giuliano l'ospitaliere, detto il povero, è l'unica chiesa consacrata al culto melkita sin dal 1889. E' una delle più antiche di Parigi, una prima cappella risale al IX secolo. All'interno si trova una bellissima iconostasi decorata del 1900.
  • Église Saint-Nicolas-du-Chardonnet: La chiesa è situata nel centro storico di Parigi e la sua costruzione risale al XIII secolo. Nel 1656 Luigi XIV la fece ricostruire e nel XIX secolo, a seguito della fondazione di un seminario, venne ampliata annettendo altri stabili adiacenti. Nel 1905, a seguito di una legge francese, la chiesa venne separata dallo stato. La città di Parigi ne divenne proprietaria dandola comunque in uso alla Chiesa Cattolica.
    La chiesa divenne famosa nel 1977 in quanto venne occupata, scacciando il parroco, dalla Fraternità Sacerdotale San Pio X.
  • église Saint-Séverin: Anticamente era un oratorio del VI secolo in cui era solito andare a pregare San Severino. Oggi, dopo varie ricostruzioni, la chiesa è in stile gotico ed è parte di un grande complesso insieme ad un chiostro, un antico cimitero, alla casa parrocchiale ed a piazza André Lefèbvre. Nella chiesa, oltre ad un grande organo, è custodita forse la più antica campana di Parigi, fusa nel 1412.
  • Grande Mosquée de Paris: L'istituto Musulmano di Parigi è la più grande moschea di Francia. Fu costruita in segno di riconoscenza ai caduti nordafricani che combatterono con la Francia nella Prima Guerra Mondiale.
    La moschea è aperta anche ai non praticanti dell'islam che, possono ammirare le numerose decorazioni, gli stupendi tappeti e gli altrettanti spendidi giardini persiani, simbolo del paradiso musulmano, o, rilassarsi ai Bagni Turchi dell'hammam . Nel vasto spazio occupato trova posto un minareto di circa 33 mt. di altezza, un ristorante, dove assaggiare piatti della tradizione magrebina, una sala da the e negozi di prodotti tipici arabi.
  • Hotel de Cluny: è un classico hotel particulier parigino del XV secolo. Oggi ospita il Musée Cluny, noto anche come Museo Nazionale del Medioevo, con una grande collezione di opere artistiche e manufatti del Medioevo, fra cui gli arazzi detti de "La dama e l'Unicorno" (la Dame à la Licorne).
  • Jardin des Plantes: E' uno dei 7 dipartimenti del Muséum national d'histoire naturelle e, con i suoi 28 Ha. è il principale orto botanico di Francia. Fu progettato nel 1626 e fino al 1635 serviva solo per la coltivazione di erbe medicinali. Nel 1739 il giardino venne ampliato con la realizzazione di un labirinto tuttora presente. Oggi ci sono 4 musei (la Grande Galerie de l'Évolution, il Museo della Mineralogia, il Museo della Paleontologia ed il Museo dell'Entomologia), un piccolo zoo ottenuto raggruppando gli animali della Royal Menagerie di Versailles, una scuola di botanica con circa 4.500 piante, svariate piante decorative, un giardino alpino con 3.000 specie proveniente da tutto il mondo, serre con piante esotiche e, dal 1990, il Rose Garden, con centinaia di piante di rose.
  • Pont Saint-Michel: costruito originariamente, in legno, per collegare la riva sinistra della Senna al Palais Royal fu ristrutturato più volte. Oggi il ponte è in pietra ed è interessante per le sue decorazioni, per una statua in bronzo del re Luigi XIII e per un riferimento (una "N" caratteristica) a Napoleone.




 
Copyright © Parigi.eu - Tutti i diritti riservati