Monumenti Parigini: Bastille

Colonna di Luglio.jpgLa piazza su cui sorgeva la "Bastille Sant Antoine" è oggi uno dei luoghi più frequentati di Parigi e, insieme a Place de la République uno dei due punti utilizzati per le grandi manifestazioni di massa della città.
Al centro della piazza si eleva la "Colonne de Juillet" (Colonna di Luglio). La colonna fu eretta nel 1840 come monumento alla memoria delle vittime della rivoluzione delle tre giornate di luglio del 1830 con la caduta di Carlo X e l'inizio del regno di Luigi Filippo.
Alla sommita' del fusto in bronzo, alto 47 mt., è collocata la statua dorata del Genio della Liberta'.

Sulla piazza, preceduta da un vasto portico in marmo color antracite, si affaccia anche l’"Opera Bastille", un maestoso teatro realizzato nel 1989 che è considerato il più grande d'Europa, con 3.309 posti e, al mondo è secondo solo al Metropolitan di New York.

La Bastiglia originariamente era una fortezza eretta per volontà di Carlo V di Francia, tra il 1367 e il 1382, al fine di rafforzare le mura orientali della città.

Attualmente della prigione non rimane nulla perché il 14 luglio del 1789 fu presa d’assalto e rasa al suolo dal popolo.

Di prigionieri in realtà ce n’erano soltanto sette dei quali cinque erano semplici ladri mentre gli altri due erano stato rinchiusi per volontà delle rispettive famiglie.

Il demolitore della fortezza, un imprenditore edile di nome Palloy, ebbe fra l'altro l'idea di rivenderne le pietre come reliquie, gli altri materiali invece servirono a costruire il "Pont de la Concorde" mentre il fossato entrava a far parte del bacino dell'Arsenale di Parigi.

La Bastiglia era alta 24 metri, aveva pianta rettangolare, otto torri, due cortili interni detti Cortile grande e Cortile del pozzo, ed era delimitata da un fossato alimentato dalla Senna vicina, per cui l’accesso era possibile solo tramite il ponte levatoio.

Al suo interno furono rinchiusi prigionieri illustri del panorama francese, tra cui Voltaire e de Sade.

 

 





 
Copyright © Parigi.eu - Tutti i diritti riservati